Italian English French German Portuguese Romanian Russian Spanish
~    home page >>  passeggiate >> Lago Fimon

Lago di Fimon ad Arcugnano


Molto appagante la tranquillissima passeggiata attorno al lago. Circa cinque chilometri su stradina sterrata chiusa al traffico. Da compiere in un paio d'ore per gustare le luci, i colori, gli odori, l'acqua, le canne palustri, l'erba dei campi di questo che certamente è uno degli scorci più belli dei Monti Berici e del Veneto.

Il luogo è affascinante e merita la visita in qualsiasi stagione dell'anno, anche in pieno inverno.
In estate vi sono diversi tratti alberati e comunque l'acqua è sempre un fattore di equilibrio termico. Molto bello è oziare nell'apposito spiazzo con il muretto sull'acqua, proprio vicino ai parcheggi (panchine, pescatori, cigni).
Trovandosi praticamente alla periferia della città di Vicenza, l'unico appunto può essere l'affollamento di persone a passeggio le domeniche (specie al pomeriggio) primaverili ed estive. Se si ama la solitudine già il sabato o, ancor meglio, nei giorni feriali fuori stagione si rischia di non trovare nessuno.

passeggiata adatta anche ai disabili in carrozzina

Nessuna particolare indicazione, il percorso è evidentissimo. Dal parcheggio si prosegue (sbarra) per la stradina sterrata badando di tralasciare i vari sentieri e stradine che si diramano dalla principale che costeggia, spesso a breve distanza, lo specchio d'acqua. Dopo aver percorso il versante opposto, proprio a ridosso del boscoso colle, si sbuca sulla strada sterrata proveniente da Pianezze-Grancare, dove si svolta a sinistra superando le chiuse ed il ponticello sul canale Debba. Questo è un tratto del 'Percorso Archeologico Valli di Fimon'. Dopo il rettilineo una breve rampetta per raggiungere la strada asfaltata, quindi a sinistra a raggiungere il luogo di partenza.
Un secondo percorso, più breve e quasi tutto asfaltato, da fare comunque con un amico, consiste nel girare a destra dal bar 'Al Lago' (parcheggio). Si continua per circa 5 minuti, attenti al traffico specialmente nei giorni festivi, poi all'incrocio si gira a destra dove la strada sale leggermente, quindi si continua sulla sinistra. Dopo aver superato il breve sterrato si trova Via Boeca, la si percorre fino all'incrocio, poi si gira a sinistra e si ritorna al parcheggio del bar. E' un percorso dove si può vedere il lago un po' dall'alto.

Lago di Fimon, residuo post-glaciale

Il lago di Fimon è un 'residuo glaciale' quaternario racchiuso nella 'Valle di Fimon' il cui unico sbocco sulla pianura è solamente nel breve tratto di congiunzione tra Santa Croce Bigolina e Lòngara, dove i depositi alluvionali hanno livellato il fondo della valletta alla grande pianura padana. La valle è sempre stata paludosa, ma già dall'età del bronzo iniziò ad essere frequentata ed abitata. L'opera dell'uomo in epoca storica ha determinato un progressivo consolidamento degli strati torbosi ed il drastico ridimensionamento degli specchi lacustri, di cui il lago di Fimon è l'ultimo rimasto. Nelle torbiere dei d'intorni sono stati trovati resti di animali, anche tropicali, e tracce di attività umane proto-storiche. All'interno della valle è stato tracciato un interessante percorso archeologico. Molto consigliabile il giro della valle con la bicicletta.

Tutto attorno la teoria gobbosa dei Monti Berici, molto rigogliosi in questo versante, dona tratti di grande dolcezza ad un paesaggio con molti insediamenti umani e grandi distese di campi coltivati nel centro della valle, ancora di terreno molto torboso.
Lago di Fimon01 Lago di Fimon02 Lago di Fimon03 Lago di Fimon04 Lago di Fimon05 Lago di Fimon06 Lago di Fimon07 Lago di Fimon08